salta al contenuto

Tirocinio Formativo presso gli UU.GG.

 

Il tirocinio ex art. 73 è uno stage di formazione teorico-pratica presso gli Uffici giudiziari, svolto in affiancamento a un magistrato di uffici giudicanti e requirenti di primo e secondo grado, uffici di sorveglianza, tribunali per i minorenni nonché a giudici amministrativi dei TAR e del Consiglio di Stato. Il tirocinio è finalizzato principalmente all’accesso al concorso in magistratura e più in generale alla conoscenza del funzionamento della giustizia come opportunità professionale.

Si riportano in sintesi le principali informazioni riguardanti il tirocinio ex art. 73 presso il Tribunale di Belluno

Requisiti di ammissione

I requisiti previsti per l’ammissione al tirocinio sono:

  • laurea in giurisprudenza di durata almeno quinquennale con un punteggio non inferiore a 105/110 ovvero una media di almeno 27/30 nei seguenti esami: diritto costituzionale, diritto privato, diritto processuale civile, diritto commerciale, diritto penale, diritto processuale penale, diritto del lavoro e diritto amministrativo.
  • non aver compiuto i 30 anni di età.

Caratteristiche del tirocinio

Il tirocinio ha una durata complessiva di 18 mesi. È richiesta una presenza di due giorni a settimana presso il Tribunale di Belluno, da concordarsi col magistrato affidatario. In accordo col magistrato affidatario, è possibile stabilire eventuali periodi di impiego presso altri settori del Tribunale, per per ampliare le opportunità formative del tirocinante.

Lo svolgimento del tirocinio formativo non dà diritto ad alcun compenso o trattamento previdenziale o assicurativo da parte della pubblica amministrazione e non comporta la costituzione di alcun rapporto di lavoro subordinato o autonomo. Il Ministero della Giustizia ogni anno mette a disposizione delle borse di studio, in misura non superiore a 400 euro mensili, attribuite ai tirocinanti richiedenti in base all’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) calcolato per le prestazioni erogate agli studenti nell'ambito del diritto allo studio universitario (per maggiorni informazioni: https://www.giustizia.it/giustizia/it/mg_1_6_1.page?contentId=SCE188742).

Attività previste e valutazione finale

Il tirocinio prevede l’assistenza al magistrato affidatario nella preparazione dell’agenda nello studio delle cause, nelle ricerche di giurisprudenza e di dottrina, la collaborazione nella stesura di provvedimenti e partecipazione – salvo specifiche eccezioni – alle camere di consiglio ed alle udienze, sia pubbliche che istruttorie o camerali. Il tirocinante è tenuto al pieno rispetto degli obblighi di segretezza e riservatezza connessi alla funzione giurisdizionale.

Al termine del periodo di stage, il magistrato affidatario è chiamato a valutare il tirocinante. L’esito positivo del tirocinio costituisce titolo per l'accesso al concorso per magistrato ordinario ed è valutato per un periodo pari ad un anno di tirocinio forense e notarile o di frequenza delle scuole di specializzazione per le professioni legali. L’esito positivo costituisce altresì titolo di preferenza per la nomina a Giudice onorario di Tribunale e a Vice Procuratore onorario e, a parità di merito, nei concorsi indetti dall’amministrazione della giustizia, dall’amministrazione della giustizia amministrativa e dall’Avvocatura dello Stato, così come di altre amministrazioni dello Stato.

 

Come fare per

La domanda di ammissione va indirizzata al Presidente del Tribunale di Belluno (tribunale.belluno@giustizia.it), allegando la documentazione comprovante il possesso dei requisiti previsti dall’articolo 73 del D.L. 69/2013 o una autocertificazione che ne attesti la sussistenza.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare direttamente la segreteria della Presidenza alla mail tribunale.belluno@giustizia.it o al numero di telefono 0437/947115.



Scarica il modulo per la domanda di ammissione

Scarica la convenzione con l'Ordine Avvocati di Belluno